in , ,

Bitcoin crolla dopo che la banca centrale cinese ha represso il commercio di criptovalute

editoriale italiano

Il bitcoin è sceso di quasi il 5% venerdì dopo che la banca centrale cinese ha dichiarato che avrebbe represso il commercio di criptovalute, vietando agli scambi esteri di fornire servizi agli investitori continentali.
La criptovaluta più grande è scesa del 4,6% a 42.874 dollari americani, con monete più piccole che in genere vengono scambiate in tandem con bitcoin. Ether è sceso di oltre l’8% mentre XRP è sceso del 7%.
La People’s Bank of China ha anche affermato che impedirà alle istituzioni finanziarie, alle società di pagamento e alle società Internet di facilitare il commercio di criptovalute e rafforzerà il monitoraggio dei rischi derivanti da tali attività.
“I mercati delle criptovalute sono in uno stato estremamente fragile nel complesso, e questo tipo di flessioni é la dimostrazione di questa fragilità.
C’è un elevato grado di panico nell’aria”, ha affermato Joseph Edwards, capo della ricerca presso il broker di criptovalute Enigma Securities.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by Paolo Rizzi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

In Giappone i contagi cominciano a diminuire in maniera marcata

editoriale italiano

Brian Laundrie é sparito nel nulla