in , , ,

DAZN non é stato un disastro per tutti

editoriale italiano

La giornata di ieri é stata ancora più pesante del sabato. Troppi problemi riscontrati nella gestione delle dirette delle partite di Serie A. Troppe segnalazioni di problemi di visione, di streaming che andava a scatti o che spesso si metteva a ricaricare… Un pò come accadeva alle prime partite su internet 10 anni fa.
In realtà la gestione di tutte le partite del campionato ha messo DAZN nella condizione di potenziare lo streaming ma evidentemente non in maniera sufficiente.
Bisogna correre ai ripari e farlo subito per evitare di dover rimborsare i consumatori, ma nel frattempo lasciamo lo spazio anche alle segnalazioni positive. Magari poche, magari siamo stati tra i più fortunati, ma perché dobbiamo sentirci in colpa se con una semplice connessione 4G possiamo e vogliamo dire di non aver riscontrato nessun problema, nessun intoppo o ritardo nello streaming.
Sappiamo ormai in tanti, ma non ancora tutti, che la gestione di uno streaming comporta un allineamento di fattori di compressione dei dati che ormai si danno per scontato, ma che richiedono un’elaborazione non proprio indifferente sui servers dai quali vengono distribuiti.
Se poi pensiamo che sono studiati per offrire il servizio migliore alle condizioni migliori, ecco dove si trova l’inghippo. Assistere in streaming ad un evento in diretta può variare dall’essere un’esperienza unica ad essere un’esperienza assurda solo a seconda dell’operatore a cui ci appoggiamo. Per capirci, solo a seconda della banda dati che usiamo, se é illimitata o meno, se é fornita da Tim o Vodafone o Wind/tre, senza scordare il punto di ricezione dei dati, che se non si tratta di fibra si possono avere ancora nel 2021 in Italia soprattutto dei cali di dati improvvisi enormi. Questo da solo basta per provocare un rallentamento del download e dunque una visione a singhiozzo.
Ma alla fine dunque non tutto potrebbe dipendere da DAZN. I fattori sono diversi. Certo i consumatori non hanno torto, pagando il servizio si aspettano di poterne usufruire, a loro non importa se le partite sono trasmesse tramite segnale dati o tramite satellite, questo rimane un problema del fornitore del servizio che ha chiesto un pagamento per garantire il servizio pagato. Dunque meglio fare chiarezza e sistemare nel più breve tempo possibile.

Written by andrea montelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Biden ai minimi storici

editoriale italiano

Liberata Ikram Nazih detenuta per una vignetta sull’Islam