in , ,

Biden ai minimi storici

editoriale italiano

Per la prima volta da quando é stato nominato Presidente degli Stati Uniti, il consenso popolare nei confronti di Joe Biden é sceso al di sotto del 50%. In caso di elezione oggi sarebbe in forte dubbio una sua vittoria.
Tutto per colpa dell’Afghanistan. Quella che doveva essere una ritirata con tanto di parata militare e festeggiamenti, si é trasformata nell’incubo peggiore di politica internazionale per il presidente.
La situazione non solo ha generato parecchi dissapori in patria ma ha anche riportato a galla l’eterno quesito di quanto questa guerra possa essere stata necessaria.
Nei giorni scorsi persino Robert O’Neill, l’ex Navy seal che uccise Osama bin Laden il 2 maggio 2011 si é espresso in commenti non proprio positivi sulla scelta del governo americano. “A questo punto” ha detto O’Neill, “tanto valeva venire via nel 2005 e si sarebbero risparmiate migliaia di vite umane di giovani americani che morivano per una guerra che non era nemmeno la loro guerra”.
Nel frattempo l’amministrazione Biden é concentrata sull’evacuazione dall’Afghanistan, ma i segnali che arrivano a Washington non sono per nulla rassicuranti e la questione afgana rischierà di trascinarsi per parecchio tempo alla casa bianca.

Written by Paolo Rizzi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

EasyJet ha nominato il nuovo presidente

editoriale italiano

DAZN non é stato un disastro per tutti