in , , ,

Studi evidenziano cambiamenti nel cervello delle persone guarite dal covid-19

editoriale italiano

Mentre il mondo sta imparando a convivere con il COVID-19, gli scienziati hanno ancora molte domande senza risposta su come l’infezione colpisce il corpo e il cervello, non solo quando le persone sono malate, ma anche a lungo termine una volta che guariscono dal covid.
In uno studio presentato alla riunione annuale della Società radiologica del Nord America, i ricercatori riferiscono sui cambiamenti nel cervello tra le persone che si sono riprese da COVID-19.
Gli scienziati hanno condotto scansioni MRI del cervello di 46 persone che avevano avuto COVID-19 negli ultimi sei mesi e le hanno confrontate con le scansioni di 30 persone che non erano mai state infettate. Hanno scoperto che la maggior parte delle persone che si erano riprese da COVID-19 aveva cambiamenti nella circolazione di minuscoli vasi sanguigni nel lobo frontale e nelle aree del tronco cerebrale, che sono coinvolti in abilità cognitive di ordine superiore come l’espressione linguistica e i movimenti volontari. Rispetto al gruppo di controllo, questo gruppo ha mostrato una circolazione ridotta in questi microrecipienti.
Non è ancora chiaro come ciò potrebbe tradursi nelle attività quotidiane; i ricercatori non hanno proseguito con analisi dettagliate della funzione cognitiva nei due gruppi. Ma Bharat Biswal, professore di ingegneria biomedica al New Jersey Institute of Technology e co-investigatore della ricerca, afferma che il team sta esplorando come questi cambiamenti potrebbero influenzare altre funzioni.
Alcuni dei partecipanti, ad esempio, avevano la pressione alta o altre condizioni croniche che potrebbero anche svolgere un ruolo nel modo in cui i loro cervelli sono stati colpiti da COVID-19 e gli scienziati stanno esaminando se le persone con tali condizioni di salute di base mostrassero livelli diversi di cambiamenti cerebrali rispetto a quelli senza queste condizioni.
Lo studio si basa sul lavoro precedente condotto da Biswal e dai suoi colleghi, che ha documentato i cambiamenti strutturali nel cervello che distinguevano le persone che erano state ricoverate in ospedale e guarite da COVID-19 da quelle che non erano state infettate. Quello studio ha rilevato cambiamenti nel sistema limbico e nell’ippocampo del cervello, che sovrintende alle attività emotive e comportamentali, nonché alla memoria.

What do you think?

100 Points
Upvote Downvote

Written by Thomas Longhi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Nicki Aycox di Supernatural, morta a 47 anni

editoriale italiano

Famiglia in Oregon mostra due gemelli nati da embrioni congelati 30 anni fa