in , ,

La Corte Europea ha stabilito che la Russia é responsabile per la morte di Litvinenko

editoriale italiano

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha stabilito che la Russia é “responsabile” dell’uccisione nel 2006 a Londra dell’ex agente dissidente Alexander Litvinenko con la sostanza radioattiva Polonio.
Litvinenko è morto dopo aver bevuto tè corretto con l’isotopo radioattivo in un hotel di Londra in un caso che da allora ha pesato sulle relazioni tra Gran Bretagna e Russia.
Prima di morire, Litvinenko ha pubblicato un messaggio incolpando il presidente russo Vladimir Putin per l’avvelenamento.
“La Russia è stata responsabile dell’assassinio di Alexander Litvinenko nel Regno Unito”, ha affermato il tribunale di Strasburgo.
Rispondendo a una denuncia presentata dalla vedova di Litvinenko, Marina, la Cedu ha affermato di aver stabilito “al di là di ogni ragionevole dubbio” che l’assassinio sia stato compiuto dai cittadini russi Andrei Lugovoi e Dmitry Kovtun.
La coppia si era recata nella capitale britannica con l’obiettivo di ucciderlo, secondo il tribunale.
“L’operazione pianificata e complessa che prevedeva l’acquisizione di un raro veleno mortale, l’organizzazione del viaggio per la coppia e i ripetuti e prolungati tentativi di somministrazione del veleno indicavano che il signor Litvinenko era stato l’obiettivo dell’operazione”, ha affermato la Corte europea.

Written by Thomas Longhi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Ristorante in Texas butta fuori una coppia perché indossavano una mascherina

editoriale italiano

In Afghanistan le ragazze potranno tornare a scuola ma non occupare posizioni di vita pubblica