in , ,

Oltre 200 le vittime del tifone Rai che ha colpito le Filippine

editoriale italiano

Il bilancio delle vittime del tifone più forte che ha colpito le Filippine quest’anno è salito a oltre 200, hanno riferito i funzionari.
Al suo massimo, il tifone Rai ha accumulato venti sostenuti a 194 km/h e raffiche fino a 270 km/h prima di disperdersi nel Mar Cinese Meridionale venerdì scorso.
Secondo la polizia nazionale, almeno 208 persone sono state uccise, 52 sono rimaste disperse e 239 sono rimaste ferite.
Si prevedeva che il bilancio aumentasse perché diverse città e villaggi erano rimasti fuori portata a causa di comunicazioni interrotte, interruzioni di corrente e strade intasate, sebbene fossero in corso enormi sforzi di pulizia e riparazione con il miglioramento del tempo.
Molti di coloro che sono morti sono stati colpiti dalla caduta di alberi o muri, sono annegati in inondazioni improvvise o sono stati sepolti vivi nelle frane.
Un uomo di 57 anni è stato trovato morto appeso a un ramo di un albero nella provincia di Negros Occidental e una donna è stata portata via dal vento ed è morta nella stessa regione duramente colpita, ha riferito la polizia.
Il governatore Arlene Bag-ao delle isole Dinagat, che è stata tra le province sudorientali per prime colpite dal tifone, ha affermato che la ferocia di Rai nella sua provincia insulare è stata peggiore di quella del tifone Haiyan, che ha devastato le Filippine centrali nel novembre 2013.
La signora Bag-ao ha dichiarato: “Se l’altra volta era stato come essere in una lavatrice, questa volta c’era come un enorme mostro che si è schiantato ovunque, ha afferrato qualsiasi cosa come alberi e tetti di lamiera e poi li ha scagliati dappertutto”.
“Il vento ha turbinato da nord a sud, a est e a ovest ripetutamente per sei ore”.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Peloton cancella la campagna pubblicitaria con Chris Noth dopo le accuse di violenza

editoriale italiano

Prove di normalità a Sydney nonostante la variante Omicron