in , ,

Kyle Rittenhouse assolto per le sparatorie ad agosto 2020

editoriale italiano

Kyle Rittenhouse è stato assolto da tutte le accuse per le sparatorie risalenti ad agosto 2020, durante le quali colpì tre uomini, di cui due morirono. Gli avvocati dell’adolescente hanno sostenuto che l’adolescente ha aperto il fuoco per legittima difesa.
Rittenhouse, 18 anni, si è commosso e ha abbracciato il suo avvocato quando il verdetto di non colpevolezza è stato letto. Kyle aveva affrontato cinque accuse, tra cui omicidio volontario di primo grado, che avrebbe potuto comportare una condanna all’ergastolo.
La giuria, composta da sette donne e cinque uomini, ha deliberato per tre giorni e mezzo e ha ascoltato più di 30 testimoni in due settimane di testimonianza. L’avvocato di Kyle , Mark Richards, ha descritto come si è sentito Rittenhouse a lasciare il tribunale. “Un enorme senso di sollievo. Avrebbe voluto che nulla di tutto questo fosse accaduto. È grato che la giuria abbia potuto ascoltare la vera storia”.
Il 25 agosto 2020, Rittenhouse, che all’epoca aveva 17 anni, si recò a Kenosha durante le proteste scoppiate dopo che la polizia aveva sparato e ferito Jacob Blake. Ha testimoniato che intendeva aiutare a proteggere le imprese locali e fornire i primi soccorsi. Armato con un fucile stile AR-15, Rittenhouse finì in mezzo alla folla e sparò a tre uomini, uccidendo Joseph Rosenbaum e Anthony Huber e ferendo Gaige Grosskreutz.

Written by Paolo Rizzi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Red Notice perde la vetta della top ten Netflix per uno show televisivo

editoriale italiano

Ad Ipswich ti portano a fare il vaccino e ti riportano a casa