in , , ,

Sherri Papini ha ammesso di aver simulato il proprio sequestro

editoriale italiano

Una donna che ha simulato la propria scomparsa mentre faceva jogging si è dichiarata colpevole di aver inventato il proprio rapimento.
Sherri Papini, 39 anni, si è dichiarata colpevole di aver mentito a un ufficiale federale dopo aver ammesso che la storia della sua scomparsa di tre settimane nel 2016 era una bugia. L’ammissione di Papini arriva pochi giorni dopo aver raggiunto un accordo con i pubblici ministeri, che secondo quanto riferito raccomanderanno una condanna più leggera in cambio della confessione del 39enne.
La madre di due figli ha ammesso la fabbricazione nella corte federale di Sacramento tramite Zoom ed è apparsa in lacrime durante la sua udienza di 35 minuti, presieduta dal giudice distrettuale degli Stati Uniti William B. Shubb.
Papini dovrebbe ricomparire in tribunale l’11 luglio per la condanna. L’ammissione di Papini pone fine a una saga di sei anni iniziata il 2 novembre 2016 quando la 39enne è scomparsa mentre faceva jogging nella sua città natale di Redding, in California. È stata trovata tre settimane dopo vicino al ciglio di una strada il giorno del Ringraziamento, 22 giorni dopo e si dice che fosse “legata con restrizioni” e con un elenco di ferite tra cui un naso rotto e un “marchio” sulla spalla.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

La Gran Bretagna impone sanzioni al leader bosniaco Milorad Dodik

maggiore scrive al papa

Il maggiore Serhiy Volyna ha scritto al papa