in , , ,

Editoriale Italiano diventa anche una piattaforma per il Citizen Journalism

editoriale italiano

Editoriale Italiano apre le porte al Citizen Journalism, anzi le spalanca a dire il vero. Da oggi é possibile registrarsi e pubblicare nella nostra Newsroom le notizie che ogni lettore desidera condividere. In questo modo viene ultimato l’ultimo step di questo progetto editoriale nato a Londra nel 2014 che negli anni ha subito attacchi hacker costanti e tentativi di acquisizione volti solamente a chiudere la bocca.
La bocca di chi invece vive nella convinzione che l’informazione libera e trasparente debba essere un privilegio per tutti a cui tutti dovrebbero poter accedere.
Accedere significa anche partecipare quando lo si desidera, portando all’attenzione del lettore finale notizie e informazioni che viviamo in prima persona.
Chiunque può registrarsi ed inviare il proprio articolo o il proprio video. La nostra redazione si occupa di verificare le notizie e di controllare il materiale inviato, ma se viene accettato la pubblicazione avviene quasi in tempo reale.
Non saranno mai accettate propagande politiche o denunce volte a minare il nome o l’immagine di qualsivoglia persona o azienda.
Ma finalmente l’idea iniziale di condividere le notizie con i nostri lettori e attraverso i nostri lettori é stata portata a termine.
Una volta inserite nella Newsroom le notizie potranno anche essere pubblicate nel nostro Magazine. Ma questo lo deciderà il lettore finale, in base al numero di visualizzazioni e di condivisioni.
Da oggi il giornalismo dei cittadini ha una nuova piattaforma di condivisione di contenuti, gratuita, alla portata di tutti.

What do you think?

148 Points
Upvote Downvote

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Written by Redazione

editoriale italiano

Amazon Prime cancella il contratto con Jeremy Clarkson per i commenti fatti su Meghan Markle

editoriale italiano

Meta, ovvero Facebook e Instagram accettano di pubblicare il seno nudo, ma non proprio quello di tutti