in , ,

Google Maps utilizzato per confermare un soggetto su una scena del crimine

editoriale italiano

Il dipartimento di polizia di Gainesville, in Florida, ha chiesto a Google di consegnare informazioni su un uomo di nome Zachary McCoy dopo che un normale giro in bicicletta lo ha portato sulla scena del crimine.
Si dice che McCoy abbia ricevuto un’e-mail allarmante da Google nel gennaio 2020 che lo informava che la polizia aveva richiesto i suoi dati utente.
Aveva sette giorni per andare in tribunale se voleva bloccare il rilascio dei suoi dati di Google, tra cui i suoi spostamenti.
In seguito è stato rivelato che questa richiesta era dovuta a un furto con scasso avvenuto in una casa lungo il suo percorso in bicicletta nel 2019.
La polizia aveva ottenuto i dati sulla posizione di Google di McCoy in quel momento tramite un mandato di geofence.
La connessione tra la sua posizione e il luogo del crimine significava che la polizia voleva accedere a più dati su McCoy.
Google ha recentemente rivelato di aver ricevuto 11.554 mandati di localizzazione di geofence dalle forze dell’ordine lo scorso anno.
Ha detto che 8.396 erano stati richiesti nel 2019.
Caleb Kenyon, l’avvocato difensore di McCoy, ha dichiarato: “Finché i dati esistono, tutto ciò che serve è un agente delle forze dell’ordine creativo per dire: ‘Ehi, possiamo ottenere un mandato o possiamo inviare un mandato di comparizione per questo particolare sottoinsieme di dati che sono già stati raccolti’.”
“Stanno inventando tutto il possibile per fare il loro lavoro. Questo è tutto ciò che serve per il prossimo tipo di mandato di perquisizione”.
I mandati di geofence possono portare chiunque si trovi vicino a una scena del crimine a diventare un sospetto fino a quando ulteriori indagini non lo escludono.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Trovato un fossile di pinguino gigante di circa 30 milioni di anni fa

editoriale italiano

In Afghanistan escluse le ragazze dalla scuola secondaria