in ,

Lasciamo che siano le donne a gestire le situazioni di crisi

editoriale italiano

No, non stiamo parlando della lavatrice che si blocca o della lavastoviglie che non lava bene i piatti. Stiamo parlando di governi e di crisi internazionali.
Da anni ormai in varie parti del mondo la gestione del potere nelle mani delle donne ha dati risultati di gran lunga superiori a quelli riferiti a uomini al comando.
Nessuna di loro ha sbagliato. Ci é piombata addosso una pandemia che ci ha devastato In ogni Paese in cui la crisi é stata gestita da una donna al comando la situazione é stata gestita al meglio, molto meglio di quanto fatto dai colleghi maschietti in altri Paesi.
Parliamo della Nuova Zelanda, della Germania, di Taiwan e della Norvegia, piuttosto che della Finlandia e dell’Islanda dove come primo ministro hanno una donna, Katrin Jakobsdottirsu, e dove su 1739 contagiati dal coronavirus ne sono morti solamente 8 e senza un obbligo di lockdown in tutto il Paese.
Sembrano storie di un mondo lontano, tanto lontano. Sembrano realtà così diverse dalle storie di RSA, di scaricabarile tra Lombardia e Stato, dove l’apparire in televisione quotidianamente ha contribuito evidentemente nei maschietti ad alimentare il proprio insaziabile ego.
Le donne, nei Paesi che abbiamo elencato, hanno parlato meno, e messo in opera situazione di emergenza che alla fine stanno facendo la differenza.
Forse sarebbe meglio imparare, meno tv, meno celebrità e più fatti concreti e lasciamo che le situazioni di crisi siano gestite dalle donne. A tal proposito, in Italia si contano sulle dita di una mano, tanto per essere precisi. Negli Stati Uniti stessa storia ed in Francia nemmeno a parlarne.

Written by Davide Foschi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Cercasi tablets pagati dallo Stato

editoriale italiano

Conte frena le Regioni, tutti fermi fino al 4 Maggio