in , ,

Maestra taglia i capelli ad una bimba di 7 anni e i genitori chiedono 1 milione di dollari

editoriale italiano

Il padre di una bambina di sette anni i cui capelli sono stati tagliati da una maestra senza il permesso dei genitori, chiede 1 milione di dollari di danni.
Jimmy Hoffmeyer ha citato in giudizio un distretto scolastico, un bibliotecario e l’assistente di un insegnante nel Michigan, accusandoli di aggressione e percosse.
Ha anche accusato di discriminazione razziale, intimidazione etnica e inflizione intenzionale di disagio emotivo e che i diritti costituzionali di sua figlia sono stati violati.
Il consiglio scolastico locale ha descritto le accuse come “infondate” e ha affermato che le avrebbe “difese in modo aggressivo” in tribunale.
Il signor Hoffmeyer ha detto che sua figlia Jurnee, di razza mista, è arrivata a casa dalla scuola elementare Ganiard a Mount Pleasant a marzo con gran parte dei capelli tagliati su un lato della testa.
Ha detto che un compagno di classe lo aveva fatto sullo scuolabus, ha aggiunto suo padre.
È stata presentata una denuncia al preside e i capelli di Jurnee sono stati regolati da un parrucchiere locale per rendere meno evidenti le diverse lunghezze.
Due giorni dopo l’incidente sull’autobus, Jurnee è tornata da scuola con anche i capelli tagliati dall’altra parte.
“Ho chiesto cosa fosse successo e ho detto ‘Pensavo di averti detto che nessun bambino dovrebbe mai tagliarti i capelli'”, ha detto all’epoca Hoffmeyer.
“Ha detto, ‘ma papà, era l’insegnante’. L’insegnante ha tagliato i capelli per uniformarli”.
La ragazza che ha tagliato i capelli a Jurnee sull’autobus era bianca, così come l’insegnante, ha detto il signor Hoffmeyer.
Il consiglio scolastico locale, a Mount Pleasant, ha affermato che un’indagine indipendente non ha rilevato pregiudizi razziali.
Il personale, gli alunni e le famiglie sono stati interrogati e video e foto esaminati, compresi i post sui social media.
Ma il signor Hoffmeyer ha detto che né lui né sua figlia, che ora frequenta un’altra scuola, sono stati intervistati.
La politica scolastica è stata violata quando i capelli di Jurnee sono stati tagliati, secondo l’indagine.
Pur avendo “buone intenzioni”, il membro dello staff che lo ha fatto è stato rimproverato.
Altri due dipendenti erano a conoscenza dell’incidente ma non lo hanno segnalato. Tutti e tre si sono scusati.
La causa sostiene che il distretto scolastico “non è riuscito a formare, monitorare, dirigere, disciplinare e supervisionare adeguatamente i propri dipendenti e sapeva o avrebbe dovuto sapere che i dipendenti avrebbero adottato il comportamento lamentato data la formazione, le abitudini, le procedure e le politiche improprie” e la mancanza di disciplina che esisteva per i dipendenti”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

L’esperienza a gravità Zero per 7.500 dollari

editoriale italiano

Tra poco i Robot potranno consegnare generi alimentari in tutto il Regno Unito