in ,

Calcio, ripartiamo da zero

editoriale italiano

Siamo al punto di non ritorno con il calcio italiano e non perché ci manchino giocatori di alto livello. Dobbiamo fermarci, approfittare di questa situazione strana dettata dal covid, lasciare che i club stranieri investano tonnellate di milioni nel calcio con soldi arabi o cinesi e pensare a ripartire tra le mura di casa nostra con i talenti nostrani.
Un pò quello che ha fatto il mister Mancini con la nazionale. Siamo al punto in cui se non ci fermiamo non capiamo quanto la strada che abbiamo preso sia totalmente sbagliata.
Non voglio dire che non si debbano più comprare giocatori stranieri, ma investire meglio in tal senso, cercando di lavorare su ragazzi giovani con tanta voglia di mettersi in mostra, invece che continuare ad investire in giocatori/multinazionali che dettano le regole del gioco.
Questo calcio stanca, questo modo di interpretare gli investimenti nel mondo del calcio in Italia é stato fallimentare negli ultimi anni. Prendiamo spunto da squadre che hanno fatto miracoli con investimenti 100 volte inferiori rispetto ai top club. Dunque di cosa abbiamo paura. Meno giocatori da copertina, da Instagram o da palcoscenico che potremmo sostituire oggi stesso con giocatori dalle qualità straordinarie con passaporto italiano e cognome italiano. I giocatori non mancano in Italia, qualità e talento ne abbiamo in abbondanza. Se si investe su acquisti stranieri che siano opportuni e mirati, possibilmente giovani con tanta voglia di crescere.
L’industria calcio italiana deve essere rifondata, a costo di perdere nomi importanti. La realtà é che questi nomi sino a pochi anni fa andavano ad invecchiare nel campionato cinese o nella MLS americana. Poi hanno capito che passando dalla Spagna o dall’Inghilterra all’Italia si guadagnava altrettanto e forse anche di più giocando pur sempre in un campionato di buon livello. Ma non abbiamo bisogno che il calcio italiano diventi un museo per le vecchie glorie a fine carriere. Abbiamo bisogno di far innamorare di nuovo la gente con il calcio. Abbiamo bisogno di credere che sia possibile ripartire per raggiungere come facevamo in passato il tetto del mondo. Prima dobbiamo però toglierci dalla testa queste ideologie di investimento che non fruttano niente a nessuno.

Written by Matteo Tinelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Per Joe Biden, Putin é un assassino

editoriale italiano

ho mobile regala Giga illimitati