in , ,

La Juve si prepara anche a fare a meno di Ronaldo

editoriale italiano

La Juventus si sta preparando da tempo ormai. L’opzione é stata sul tavolo da circa 4 mesi e se dovesse capitare l’occasione giusta e dovessero pagare il giusto, Cristiano Ronaldo, anche per sua gioia personale, potrebbe lasciare la squadra della famiglia Agnelli.
Tutti guardano a Mbappé e alla decisione del PSG di tenerlo un altro anno o di cedere alle offerte che provengono da Madrid, sponda Real.
Resta la consapevolezza che se il talento francese dovesse prendere il volo per Madrid, nelle stesse ore Ronaldo prenderebbe probabilmente quello per Parigi.
L’impressione é che si possa fare, che possa anche succedere.
Nel frattempo dall’Inghilterra confermano una forte pressione del PSG per prendere in extremis Paul Pogba dal Manchester United, si parla di un’altra cifra stratosferica sia per il cartellino che per l’ingaggio.
Ma tutto questo giustifica ancora di più la scelta di Massimiliano Allegri alla Juve. Mister Allegri come pochi in Europa sa fare squadra da quello che ha e con quello che ha. Ma non solo, ha sempre dimostrato di vincere le partite in corsa, dunque di adeguarsi ai cambiamenti dettati dalla partita o dalle situazioni. Sembra quasi nella maggior parte dei casi, riuscir a prevenire, programmando alla perfezione possibili soluzioni da Piano B o piano C.
Ecco perché se Ronaldo resta rientra nel piano A, ma se non resta con Allegri la Juventus ha il suo piano B e probabilmente anche quello C. Questo Allegri lo sa bene, da grande pianificatore quale é. Ecco perché alla domanda di molti tifosi di cosa potrebbe essere la Juve senza Cristiano Ronaldo, sappiamo di poter rispondere in cuor sereno che potrebbe persino essere meglio senza il talento portoghese, sostando gli equilibri di una intera squadra sul gioco globale e non più solo individuale.
Lasciando che siano vetrine come quella di Parigi che si divertono a sfoggiare campioni maturi che ormai sono diventati animali da passerella più che calciatori.
Ecco perché se Ronaldo lascia la Juve per una nuova avventura in passerella, probabilmente potrebbe anche essere una soluzione positiva.
Di certo se resta alla Juve l’idea di Allegri é di alternarlo molto di più quest’anno, con dunque molte soluzioni da panchina o addirittura tribuna ed é anche per questo che l’insofferenza dello stesso Ronaldo potrebbe portarlo a cambiare aria.
Anche perché nel frattempo, per quanto ininfluente, non ha mai lanciato in queste settimane di rientro in Italia, segnali convinti di adesione alla causa Juve.
Talvolta ancor di più delle parole, a fare la differenza é il cuore.

Written by Paolo Rizzi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Camila Giorgi vince il Wta 1000 di Montreal

editoriale italiano

Abbiamo mentito in Afghanistan