in , , ,

I 12 giurati che giudicheranno Nikolas Cruz non potranno nemmeno avere assistenza psicologica

editoriale italiano

I 12 giurati scelti per decidere se l’assassino della scuola della Florida Nikolas Cruz sarà giustiziato saranno esposti a immagini orribili e testimonianze emotive, ma dovranno affrontare qualsiasi angoscia mentale da soli.
I giurati scelti per decidere se l’assassino della scuola Marjory Stoneman Douglas High School in Parkland, Florida, quando Nikolas Cruz uccise 17 persone, dovrà essere giustiziato, visiteranno una scena del crimine macchiata di sangue, visualizzeranno foto e video espliciti e ascolteranno un’intensa testimonianza emotiva, un’esperienza che dovranno gestire interamente da soli, senza alcun supporto psicologico.
Durante quello che dovrebbe essere un processo lungo un mese che inizierà lunedì, il giudice di circuito Elizabeth Scherer ordinerà ai giurati di non parlare con nessuno di ciò che vedranno, sentiranno o penseranno. Non il loro coniuge. Non il loro migliore amico. Non il loro clero o terapeuta. Nemmeno l’un l’altro finché non inizieranno le deliberazioni. L’ordine non è insolito; viene emesso in tutti i processi per garantire che le opinioni dei giurati non siano influenzate da estranei.
Una volta terminato il processo, i 12 giurati e i 10 supplenti potranno confidarsi con altri, ma non riceveranno alcuna assistenza dal sistema giudiziario. Come nella maggior parte degli Stati Uniti, né i tribunali della Florida né quelli della contea di Broward forniscono alle giurie consulenza post-processo.

Written by Miriam Parodi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Britney Spears condivide un video di una sua famosa canzone mentre fa il bucato ed il messaggio diventa virale

editoriale italiano

Il progetto del treno proiettile in California ha ottenuto altri 4,2 miliardi di dollari