in , ,

Saman, l’sms trappola della madre per farla tornare

Saman, l'sms trappola della madre per farla tornare

Saman era in una comunità protetta, dopo che aveva denunciato i genitori perché volevano che accettasse un matrimonio combinato.
Ricevette un sms dalla madre: “Torna a casa, stiamo morendo. faremo come dirai tu”. Era solo una scusa per farla tornare a casa. Era solo un modo per mettere in atto un piano diabolico contro una figlia che non accettava le regole inaccettabili in un mondo moderno.
Tutto programmato, tutto pianificato dai due genitori. Volevano farla tornare e se non avesse accettato ancora il matrimonio combinato, sarebbe stata punita.
Così é successo, Saman é stata uccisa probabilmente dallo zio su indicazione e con la compartecipazione dei suoi stessi genitori.
Quanto di più brutale possa esserci in questo mondo. Due genitori che arrivano ad uccidere una figlia solo perché lei desidera essere libera. Libera di vivere, libera di scegliere e di sbagliare magari, ma pur sempre libera.
Ecco perché madre e padre, oggi scappati in Pakistan, non sono meno responsabili di chi poi ha compiuto il gesto di togliere la vita a Saman, ecco perché la legge deve considerare la loro premeditazione altrettanto grave.

Written by Cinzia Grandi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Il solito Ronaldo porta il Portogallo alla vittoria contro l’Ungheria

Taj Mahal riapre un'altra volta

Taj Mahal riapre un’altra volta