in , ,

Indice Rt scende ancora, é arrivato il momento di riaprire

editoriale italiano

Nella consapevolezza che il rispetto delle regole sul distanziamento dovrà sempre esserci, oggi le indicazioni settimanali sull’indice Rt sono nuovamente positive. Pertanto da oggi gli italiani si aspettano di poter riaprire le proprie attività, gradatamente, con regole personalizzate e personalizzabili, ma comunque ci si aspetta di poter riprendere a lavorare tutti, nessuno escluso.
Non é il momento di fare errori, non é il momento di sottovalutare il virus, tenendo presente che é proprio delle ultime ore la notizia che in Germania la situazione é nuovamente grave.
Manteniamo il distanziamento, il rispetto delle regole e tra un paio di mesi potremmo esserne fuori.
Ora però, come é giusto che sia, dobbiamo lasciar lavorare gli italiani. Ora più che mai, dobbiamo riaprire per tutti.
L’accesso ai crediti e ai sussidi non é proprio così immediato e semplificato, anzi talvolta ci si domanda se questa burocrazia non sia studiata di proposito per far rinunciare in molti.
Ecco dunque che si rende necessario tornare a lavorare ed ora che gli indici lo giustificano, dobbiamo far riaprire tutti.
Mettiamo sino a giugno o luglio delle regole a cui attenersi, ma lasciamo lavorare tutti, e nel frattempo vacciniamo più persone possibili, senza esclusione di colpi, diamo una sterzata alla campagna vaccinale incrementando la richiesta di forniture di nuove fiale sino all’esasperazione.
L’Italia vuole rialzarsi é arrivato il momento di lasciarla fare.
Sappiamo che i morti purtroppo continueremo a contarli ancora per qualche settimana, ma ormai non cambia molto riaprire tutti o vivere in questo modo. Sappiamo che le vaccinazioni cambieranno le nostre vite, dunque affrettiamoci a farle, senza esclusione di colpi.

Written by Cinzia Grandi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

FedEx Indianapolis, 8 persone uccise in una sparatoria

editoriale italiano

Astra Zeneca, lasciamo decidere le persone