in , ,

Google avvisa i dipendenti che verranno licenziati se non si vaccineranno

editoriale italiano

Google ha informato i suoi dipendenti che coloro che non rispettano le politiche sui vaccini aziendali alla fine potrebbero perdere il lavoro.
Una nota interna ha informato il personale di caricare i documenti che dimostrano lo stato di vaccinazione.
Coloro che non lo faranno potrebbero essere messi in congedo non retribuito e successivamente licenziati.
Google ha spinto per un eventuale ritorno in ufficio, che è stato ripetutamente ritardato, e si aspetta che coloro che accedono agli edifici dell’azienda siano vaccinati.
Un portavoce ha dichiarato: “Come abbiamo affermato in precedenza, i nostri requisiti di vaccinazione sono uno dei modi più importanti per proteggere la nostra forza lavoro e mantenere attivi i nostri servizi”.
“Ci impegniamo a fare tutto il possibile per aiutare i nostri dipendenti che possono essere vaccinati a farlo e a sostenere fermamente la nostra politica di vaccinazione”.
Nel rapporto interno si faceva riferimento al 3 dicembre per inviare a Google la prova della vaccinazione o per richiedere un’esenzione per motivi medici o religiosi.
Coloro che non lo faranno entro il 18 gennaio del prossimo anno potrebbero venir messi in “congedo amministrativo retribuito” per 30 giorni, afferma la nota, seguito da un congedo non retribuito per un massimo di sei mesi.
Dopo quel periodo di “permesso personale non retribuito” si rischia il licenziamento.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Russia e Cina sempre più unite contro le potenze occidentali

editoriale italiano

Sergio Aguero si ritira dal calcio giocato