in , ,

L’armistizio di Cuba

L'armistizio di Cuba

Il governo di cubano ha parzialmente accettato una piccola parte delle richieste che i manifestanti da giorni stavano chiedendo in tutto il paese.
Ha ridotto qualche restrizione in merito a medicine e cibo ed ha avviato una linea di dialogo con coloro che per giorno hanno manifestato contro un sistema ormai obsoleto.
Il dopo Fidel non é stato facile. Ma se prima la gente scappava da Cuba per un tenore di vita spesso sotto la soglia minima di sopravvivenza, oggi scappa da Cuba perché troppo poco é cambiato. Il mondo moderno ed internet permettono di sapere e di vedere come vive il resto del mondo ed il popolo cubano é stanco di dover accettare questa sottomissione da parte di una forma dittatoriale che per quanto alleggerita é pur sempre troppo pesante.
Il paese, per la cultura, la collocazione geografica e molto altro potrebbe essere fonte di guadagni che invece vengono limitati da un’istituzione che continua a voler controllare in maniera non certo democratica, ogni aspetto economico e finanziario del paese.
Ora é stato fatto un primo passo per mitigare le manifestazioni. Ora ci si aspetta un tavolo di dialogo oppure i manifestanti sono pronti a continuare le loro proteste.
Per Cuba é il momento di cambiare, ma bisogna capirlo in fretta, prima che la situazione possa degenerare. In troppe situazioni, in troppe località si patisce la fame, serve un’idea e una misura di intervento con effetto immediato.

Written by Cinzia Grandi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Tolta dal mercato il telaio della pistola Glock che si trasforma in un giocattolo Lego

Tolto dal mercato il telaio della pistola Glock che si trasforma in un giocattolo Lego

Britney accusa il padre di abuso di tutela

Britney accusa il padre di abuso di tutela