in , ,

Nella provincia del Fujian in Cina i contagi da covid sono più che raddoppiati

editoriale italiano

Le nuove infezioni locali da COVID-19 sono più che raddoppiate nella provincia sud-orientale cinese del Fujian, hanno detto le autorità sanitarie, spingendo i funzionari a implementare rapidamente misure, comprese le restrizioni di viaggio, per fermare la diffusione del virus.
La National Health Commission ha affermato che per il 13 settembre sono stati segnalati 59 nuovi casi trasmessi localmente, rispetto alle 22 infezioni del giorno prima. Erano tutti nel Fujian, una provincia confinante con lo Zhejiang a nord e il Guangdong a sud.
In soli quattro giorni, sono state segnalate un totale di 102 contagi in tre città del Fujian, tra cui Xiamen, snodo turistico e dei trasporti con una popolazione di 5 milioni di abitanti.
Le infezioni arrivano poco prima della settimana di festa nazionale che inizia il 1 ottobre, un grande evento turistico per la regione.
L’ultimo focolaio domestico tra la fine di luglio e agosto aveva portato all’interruzione dei viaggi, colpendo i settori del turismo, dell’ospitalità e dei trasporti.
L’epidemia di Fujian è iniziata a Putian, una città di 3,2 milioni di abitanti, con il primo caso segnalato il 10 settembre. Test preliminari su campioni di alcuni casi di Putian hanno mostrato che i pazienti avevano contratto la variante Delta altamente trasmissibile.
Da allora il virus si è diffuso a sud di Xiamen, che ha riportato 32 nuovi casi di trasmissione comunitaria per il 13 settembre rispetto a una sola infezione il giorno prima.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Putin ha incontrato Assad e criticato Stati Uniti e Turchia per la situazione in Siria

editoriale italiano

I Rolling Stones non sono potuti andare al funerale di Charlie Watts, causa covid