in , ,

Il cambio di orbita della luna potrebbe portare ad inondazioni sulla terra

Il cambio di orbita della luna potrebbe portare ad inondazioni sulla terra

Tutte le coste degli Stati Uniti stanno affrontando inondazioni generate da alte maree in rapida crescita quale conseguenza di una “oscillazione” nell’orbita della luna che lavora in tandem con l’innalzamento del livello del mare alimentato dai cambiamenti climatici.
Un nuovo studio della NASA e dell’Università delle Hawaii, pubblicato di recente sulla rivista Nature Climate Change, avverte che i prossimi cambiamenti nell’orbita della luna potrebbero portare a inondazioni record sulla Terra nel prossimo decennio.
Attraverso la mappatura degli scenari di innalzamento del livello del mare, delle soglie di inondazione e dei cicli astronomici della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), i ricercatori hanno scoperto che le inondazioni nelle città costiere americane potrebbero essere molti e di gran lunga peggiori negli anni intorno al 2030, quando dovrebbe iniziare la prossima “oscillazione” della luna. Si aspettano che le inondazioni danneggino in modo significativo le infrastrutture e sfollino tante comunità costiere.
Mentre lo studio mette in evidenza la terribile situazione che affrontano le città costiere, l’oscillazione lunare è in realtà un evento naturale, segnalato per la prima volta nel 1728. L’orbita della luna è responsabile di periodi di maree sia alte che basse circa ogni 18,6 anni, e non sono pericolose, di solito.
“Nella metà del ciclo di 18,6 anni della Luna, le normali maree giornaliere della Terra vengono soppresse: le alte maree sono più basse del normale e le basse maree sono più alte del normale”, spiega la NASA. “Nell’altra metà del ciclo, le maree sono amplificate: le alte maree aumentano e le basse maree diminuiscono. L’innalzamento globale del livello del mare spinge le alte maree in una sola direzione, verso l’alto. Quindi metà del ciclo lunare di 18,6 anni contrasta l’effetto dell’innalzamento del livello del mare sulle alte maree e l’altra metà aumenta l’effetto.”
Ma questa volta, gli scienziati sono più preoccupati. Con l’innalzamento del livello del mare dovuto ai cambiamenti climatici, si prevede che le prossime inondazioni di alta marea saranno più intense e più frequenti che mai.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Dipendenti di un Burger King si licenziano in blocco e lasciano un cartello sotto l'insegna

Dipendenti di un Burger King si licenziano in blocco e lasciano un cartello sotto l’insegna

Focolaio di coronavirus sulla Queen Elizabeth

Focolaio di coronavirus sulla Queen Elizabeth