in , ,

Heathrow ora chiede di togliere diverse restrizioni

editoriale italiano

I numeri sono abbastanza impietosi. Normale il calo dei passeggeri lo scorso anno, diremmo addirittura scontato, ma con le forti campagne vaccinali avviate in Europa e nel Regno Unito come in molti altri paesi nel mondo, il più grande aeroporto inglese ha necessità che molte delle restrizioni ancora in atto possano essere alleggerite o continuerà ancora per molti mesi a soffrire questa situazione che non concede alcun segnale di ripresa.
Heathrow ha dichiarato oggi che il numero di passeggeri era ancora inferiore del 71% ad agosto rispetto allo stesso mese prima della pandemia di COVID-19.
Heathrow ha incolpato le regole complicate, mutevoli e costose per chi arriva nel Regno Unito, condannando la Gran Bretagna ad un ruolo secondario rispetto ai concorrenti che già stanno registrando miglioramenti nei numeri e spingendolo al decimo posto quello che era l’aeroporto europeo più trafficato, basti pensare che nel 2019 era al primo posto.
Stanno crescendo le aspettative che ci sarà una semplificazione delle regole di viaggio, dopo che il ministro della Sanità Sajid Javid ha dichiarato domenica di voler “sbarazzarsi” dei costosi test PCR per i viaggiatori il prima possibile.
Heathrow ha affermato nella sua dichiarazione che favorirebbe un sistema a due livelli con i paesi di destinazione classificati a basso rischio o ad alto rischio, con questi ultimi che richiedono ancora la quarantena in hotel.
I viaggiatori completamente vaccinati potrebbero viaggiare liberamente, il sistema è utilizzato da molti paesi europei, mentre quelli non vaccinati effettueranno test prima della partenza o dell’arrivo.
Attualmente ci sono tre livelli, con esami costosi sempre richiesti anche per chi è completamente vaccinato.
L’aeroporto ha affermato che le principali compagnie aeree hanno sostenuto l’idea, poiché ha avvertito delle conseguenze del mancato miglioramento del sistema attuale.
“Se i ministri non coglieranno questa opportunità per semplificare le regole di viaggio, il Regno Unito rimarrebbe ulteriormente indietro poiché il commercio e i turisti eviteranno sempre più il Regno Unito”, ha affermato l’amministratore delegato di Heathrow John Holland-Kaye.

Written by Miriam Parodi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Le certezze di inizio campionato

editoriale italiano

La Nuova Zelanda mette Auckland sotto forti restrizioni