in , , ,

Xiaomi prova a sbalordire con il nuovo Xiaomi 13

editoriale italiano

Con la nuovissima serie Xiaomi 13, sembra che il produttore stia restringendo la sua attenzione su due dispositivi aumentando il prestigio e collocandoli in una fascia di prezzo più alta.
Oltre al consueto vetro e metallo, gli acquirenti avranno anche l’opzione di una cosiddetta superficie “Skin” con micro-ceramica che gioca sulla sensazione morbida assicurando al tempo stesso che il retro del dispositivo non si stacchi o scolorisca nel tempo.
Xiaomi 13 e Xiaomi 13 Pro si attengono al copione sulla meccanica. Il chipset Snapdragon 8 Gen 2 di Qualcomm è in primo piano qui con RAM LPDDR5X e storage UFS4.0.
Entrambi i telefoni hanno le stesse configurazioni: 8/128, 8/256, 12/256 e 12/512.
Il 13 ha l’impronta più piccola della coppia con un display OLED da 6,36″ 1080p che funziona fino a 120Hz. Il 13 Pro si sposta fino a 1440p su 6,73″.


Dopo un flirt con i sensori Samsung nella serie 12, Xiaomi torna a Sony sui 13s: il sensore IMX800 da 1/1,49″ che abbiamo visto sull’Honor 70 è in testa allo Xiaomi 13 con una potenza massima di 50MP di foto e video 8K24, mentre l’enorme 1″ IMX989 come visto sullo Xiaomi 12S Ultra quest’estate viene cambiato e trasferito sullo Xiaomi 13 Pro con prestazioni migliori in condizioni di scarsa luminosità, ottenendo risultati simili con la sensibilità del sensore aumentata del 72%.
Il Pro è inoltre dotato di un sensore da 50 MP per le unità teleobiettivo (~75 mm equivalenti) e ultrawide (~14 mm).
Xiaomi 13 ha una fotocamera con teleobiettivo da 10 MP e una ultrawide da 12 MP. I sensori principali hanno HyperOIS migliorato mentre i teleobiettivi hanno OIS standard. Entrambi sono dotati di una fotocamera selfie da 32 MP.
Il marketing sull’ottica di questo ciclo è incentrato sullo scatto di immagini a lunghezze focali specifiche, in particolare nella promozione dei pacchetti di filtri Professional Master Lens di Leica per simulare con successo look classici a 35 mm, 50 mm, 75 mm e 90 mm.
Con un cavo, la ricarica Xiaomi Surge può riempire la batteria da 4.500 mAh di Xiaomi 13 a velocità fino a 67 W, mentre la batteria da 4.820 mAh di Xiaomi 13 Pro può assorbire fino a 120 W.
I telefoni supportano anche lo standard di ricarica wireless da 50 W di proprietà dell’azienda e Qi a 10 W.
Indipendentemente da come li carichi, si vantano di durare più a lungo di qualsiasi dispositivo Xiaomi premium fino ad oggi prodotto con sistemi di raffreddamento più grandi e un uso efficiente dell’energia.
MIUI 14 (presumibilmente basato su Android 13) dovrebbe svolgere un ruolo importante con il firmware che si riduce di dimensioni e si concentra sulla riduzione dei processi delle app.
Saranno disponibili in bianco e nero, oltre che nei colori pastello Wilderness Green e Mountain Blue. I dispositivi Xiaomi 13 in edizione limitata nella configurazione 12/512 presenteranno colori più audaci come Flaming Red, Sapphire Blue, Hurricane Yellow, Jungle Green e Cement Ash. Le vendite iniziano in Cina da mercoledì 14 dicembre.

What do you think?

193 Points
Upvote Downvote

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Written by Thomas Longhi

editoriale italiano

Casi di Covid in forte aumento in Cina

editoriale italiano

Francis Ford Coppola riceve la stella sulla Hollywood Walk of Fame