in , , ,

Orion rientra sulla Terra dopo aver raggiunto la Luna

editoriale italiano

La capsula Orion della NASA ha effettuato un viaggio di ritorno incredibilmente veloce dalla luna, paracadutandosi nel Pacifico al largo del Messico a conclusione di un volo di prova che dovrebbe spianare la strada agli astronauti nel prossimo viaggio lunare.
La capsula in arrivo ha colpito l’atmosfera a Mach 32, o 32 volte la velocità del suono, e ha sopportato temperature di rientro di 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi Celsius) prima di ammarare a ovest della Baja California vicino all’isola di Guadalupe. Una nave della Marina si è rapidamente avvicinata per recuperare il veicolo spaziale e i suoi occupanti silenziosi: tre manichini di prova attrezzati con sensori di vibrazione e monitor di radiazioni.
La NASA ha festeggiato la discesa e l’ammaraggio quasi perfetti, mentre le congratulazioni sono arrivate anche da Washington.
“Sono sopraffatto”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson dal Mission Control a Houston. “Questo è un giorno straordinario… È storico perché ora stiamo tornando nello spazio, nello spazio profondo, con una nuova generazione”.
L’agenzia spaziale aveva bisogno di un successo per cominciare sulla buona strada in vista del prossimo volo Orion intorno alla luna, previsto per il 2024 con quattro astronauti che saranno rivelati all’inizio del prossimo anno. Ciò sarebbe seguito da un allunaggio di due persone già nel 2025 e, in definitiva, da una base lunare sostenibile. Il piano a lungo termine sarebbe quello di lanciare una spedizione su Marte entro la fine degli anni ’30.

What do you think?

193 Points
Upvote Downvote

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Written by andrea montelli

editoriale italiano

Mercoledì Addams, un’adorabile reinterpretazione alla Tim Burton

editoriale italiano

Londra nella morsa del gelo e della neve