in , ,

Dobbiamo restare bianchi ci dicono

editoriale italiano

Dobbiamo fare in modo di restare zona bianca almeno sino al 22 agosto. Ancora una settimana per permettere agi italiani di fare le proprie vacanze.
Dunque la situazione adesso preoccupa seriamente. Pensare di forzare il colore di una zona piuttosto che di un’altra nonostante i dati non siano confortanti, significa che la situazione sta per scappare di mano.
La tendenza all’aumento dei contagi, la situazione al limite di molte regioni, non bastano a richiedere di intervenire per limitare i danni.
Danni che dalla fine di agosto potrebbero essere devastanti. Magari non lo saranno e questi saranno inutili allarmismi, ma se dovessimo ritrovarci in una situazione ingestibile a settembre in prossimità dell’inizio dell’anno scolastico, come potremmo tutelarci? Obbligando la vaccinazione anche ai bimbi dai 6 mesi in su? Non basterebbe a contrastare un’emergenza immediata.
Dunque il fatto di portare le zone bianche in avanti di almeno una settimana adesso preoccupa per davvero. Non si possono fermare le ferie degli italiani, non si possono rovinare gli incassi degli operatori stagionali, perché altrimenti tutti da settembre sarebbero a battere cassa e lo stato non sarebbe in grado di fronteggiare tutte le richieste.
Ma questo é pericoloso. Si susseguono segnalazioni di situazioni fuori controllo, con aggregazione di decine di persone che non vengono controllate perché alla fine non ci sono i mezzi e il personale per controllare tutti.
Gli effetti di tutto questo rischiamo di pagarli nelle prossime settimane, proprio al rientro dalle vacanze e all’inizio dell’anno scolastico.
Speriamo solo di non doverci fermare domandandoci se davvero ne sarà valsa la pena e se tutto questo rischiare fosse proprio necessario.

Written by Davide Foschi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Record di caldo a Siracusa, 48,8 gradi e potrebbe anche peggiorare

editoriale italiano

Amazon sposta la produzione de Il Signore degli Anelli in Inghilterra