in , , ,

Anche la Lego lascia la Russia e chiude 81 negozi sparsi per il paese

editoriale italiano

Il più grande produttore di giocattoli al mondo, la danese Lego, ha dichiarato che interromperà tutte le sue attività russe, ponendo fine all’impiego del suo personale a Mosca e una partnership con una società che gestisce 81 negozi in Russia.
L’uscita di scena di un’azienda e un marchio così pesante ha lasciato uno strascico di malumore, sia per le decine di posti di lavoro che lasceranno a casa centinaia di persone, sia perché é solo l’ennesima ritirata commerciale dal suolo russo messa in atto da alcuni colossi mondiali. Lego non é la prima a prendere questa decisione e se l’invasione dell’Ucraina non avrà termine a breve si prospettano altre grosse rinunce di molte altre aziende.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by Cinzia Grandi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Oltre 4 mila Beagle sono stati salvati da una struttura in Virginia

editoriale italiano

Londra, oltre 100 vigili del fuoco per domare un incendio a Trafalgar Square