in ,

Juventus in finale di coppa, Inter tutto sul campionato

editoriale italiano

Alla fine é successo quanto era stato ampiamente previsto. Una Juventus che ha imparato ad adattare il proprio gioco in base alle necessità di ogni singolo momento della partita con l’Inter pronta a dare il massimo, ma concretizzando poco.
In finale di Coppa Italia ci va la squadra più completa che si prende un’altra bella rivincita.
L’Inter da un lato può recriminare di essere fuori da tutte le coppe, dall’altro ha un’opportunità unica di potersi concentrare a tempo pieno solo ed esclusivamente sul campionato. Ora o mai più direbbe qualcuno. In effetti é l’anno ideale per vincere lo scudetto sapendo che le dirette avversarie saranno impegnate nelle coppe europee.
Devono però essere apportate alcune modifiche al modo di interpretare calcio da parte dei giocatori e del mister.
Conte ha necessità di passare ad uno step successivo, di crescere professionalmente portando se stesso e la squadra che allena al traguardo finale senza alibi o recriminazioni, anche perché queste cose a lungo andare stancano.
La squadra deve capire che serve un salto di qualità. Troppi individualismi e nemmeno di altissimo livello stanno condizionando un gioco di squadra che quando funziona regale momenti di ottimo calcio.
Lasciandosi alle spalle le telecronache Rai che inseriscono la grafica VAR all’improvviso e riportano dopo anni di rivalità un grande fair play in campo e fuori con ottimi segnai di rispetto, solo 2 minuti dopo che Conte e Agnelli si erano mandati a quel paese, meno male che sulla Rai rimane solo la finale da vedere.

Written by Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Sonda cinese scatta la prima foto di Marte

editoriale italiano

In arrivo freddo polare e neve