in , , ,

Vergogna russa, colpito ospedale pediatrico a Mariupol

editoriale italiano

La guerra non ha limiti, ma ci sono limiti che nemmeno la guerra dovrebbe mai superare. I russi oggi hanno colpito un ospedale pediatrico a Mariupol. Tra le macerie donne e bambini. Zelensky ora chiede di attivare la No Fly Zone all’occidente e forse adesso si dovrebbe cominciare a prendere in considerazione questa opzione.
I paesi occidentali non ne vogliono sapere di intervenire sul campo, ma le prossime mosse di Putin saranno talmente violente e vigliacche che assisteremo ad una tragedia umanitaria senza precedenti. E’ stato messo in ginocchio da un punto di vista finanziario, ripercuoterà tutta la sua ira contro il popolo Ucraino, perché sa che l’Occidente non interverrà mai.
Nessuno però ha mai detto che dobbiamo per forza assecondare la follia di un uomo che ha perso il contatto con la realtà, di un uomo che da anni ha costruito questo attacco mettendo il mondo intero nella condizione di non poter intervenire sotto la minaccia di un possibile conflitto nucleare.
Purtroppo questa possibilità é concreta, non possiamo negarlo, ma lasciare che Putin porti a termine questo genocidio ci rende in qualche modo complici. Se non alziamo un dito, se ci nascondiamo dietro a trattati e convenzioni internazionali, finiamo per diventare meschini e vigliacchi pure noi.
Sarebbe come vedere un vicino di casa che ogni giorno picchia a sangue la moglie e i propri figli. Se non interveniamo é come se accettassimo in silenzio la situazione, per paura di ripercussioni…
Oggi in Ucraina i russi hanno colpito un ospedale pediatrico, questo non ha nulla a che vedere con la guerra e con il prendere il controllo del paese, questo ha a che vedere con la follia di un dittatore a cui andrebbe tolto subito ogni potere.

Written by Thomas Longhi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

L’agenzia di rating Fitch é convinta che la Russia sia vicina al default finanziario

editoriale italiano

Ucraina chiede il cessate il fuoco a Chernobyl per poter riparare la rete elettrica