in

Un tatuaggio per ogni giorno di isolamento

editoriale italiano

Come molti di noi hanno fatto, i giorni di lockdown sono serviti anche a riscoprire nuovi hobbies o vecchie passioni degli anni passati.
Ognuno ha scelto il suo, come Chris Woodhead che si é fatto un tatuaggio per ogni giorno di lockdown.
Chris vive a Londra e lavora in uno studio di tatuaggi che si chiama Maria Paradise. Dal 17 marzo ha dovuto restare a casa come tutti gli inglesi e mentre passava il tempo con la sua moglie Ema, in dolce attesa, ha deciso di occupare il tempo cercando di inventarsi qualcosa di creativo che lo ha aiutato anche a non perdere la mano sul suo lavoro.
Così uno per volta, uno al giorno, si é tatuato di tutto per 50 giorni di fila.
Ha documentato tutto sul suo account Instagram con il quale adesso é una piccola star del settore. In pratica ha creato tatuaggi in ogni punto del suo corpo, tutto da solo senza l’aiuto di nessuno. L’ispirazione lo ha portato a disegnare di tutto, senza una logica precisa e senza un programma preciso.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

L’illusione del rimborso vacanze

editoriale italiano

Il CEO di Uber rinuncia allo stipendio mentre taglia 3.700 posti di lavoro