in , ,

Scoperti i resti di un presunto vampiro in Polonia

editoriale italiano

Gli straordinari resti di un presunto “vampiro” sono stati scoperti in un sito archeologico in Polonia. Gli esperti hanno trovato il corpo femminile con una falce sulla gola, inchiodato a terra.
“La falce non è stata stesa in piano, ma posizionata sul collo in modo tale che se il defunto avesse cercato di alzarsi molto probabilmente la testa sarebbe stata tagliata o ferita”, ha spiegato il professor Dariusz Poliński dell’Università Nicholas Copernicus. Il corpo è stato trovato durante i lavori archeologici in un cimitero del 17° secolo nel villaggio di Pien, nel sud-est della Polonia.
Secondo il team dell’università, aveva in testa un berretto di seta, che indicava un alto status sociale, e un dente sporgente. Stranamente, anche una delle sue dita era assicurata con un lucchetto.
“I modi per proteggersi dal ritorno dei morti includono tagliare la testa o le gambe, posizionare il defunto a faccia in giù per mordere il terreno, bruciarlo e fracassarlo con una pietra”. Vampiri e zombi facevano parte della cultura popolare medievale tanto quanto lo sono oggi. Già nell’XI secolo, molti credevano che i cadaveri si sarebbero fatti strada attraverso il terreno e sarebbero emersi come mostri succhiasangue. Nel 2014, gli archeologi nel villaggio di Drewsko, a 130 miglia di distanza, hanno trovato sei scheletri sepolti in modo simile in un cimitero di 400 anni.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by Miriam Parodi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Con i prezzi che si alzano a causa dell’aumento bollette, la maggior parte dei pub inglesi minaccia di chiudere

editoriale italiano

Ci sono aree nel mondo dove non ci si potrà adattare ai cambiamenti climatici