in , , ,

Guardia di sicurezza al Lollapalooza di Chicago ha minacciato una sparatoria per finire di lavorare prima

editoriale italiano

Una guardia di sicurezza che ha lavorato al festival musicale Lollapalooza di Chicago lo scorso fine settimana è accusata di fare false minacce di sparatorie di massa per lasciare presto il lavoro.
Janya Williams, 18 anni, avrebbe inviato al suo supervisore un messaggio anonimo tramite TextNow venerdì pomeriggio che diceva: “Sparatoria di massa alle 16:00, località Lollapalooza. Abbiamo 150 obiettivi”.
Il supervisore ha contattato rapidamente i suoi superiori e la polizia di Chicago e l’FBI sono stati informati.
Quando il supervisore ha parlato alla squadra della minaccia, Williams avrebbe detto al supervisore che sua sorella aveva visto una minaccia simile su Facebook.
Dopo che il supervisore ha chiesto a Williams di inviare uno screenshot della minaccia, è stata accusata di creare un account Facebook con il nome “Ben Scott” e di aver pubblicato un messaggio che diceva: “Sparatoria di massa al Lollapalooza Grant Park alle 18:00”. Ha quindi preso uno screenshot del post e lo ha inviato al suo capo, secondo quanto affermato dai pubblici ministeri. L’FBI, tuttavia, secondo quanto riferito, ha rintracciato il messaggio di TextNow fino all’indirizzo IP di Williams e a iCloud, hanno detto i pubblici ministeri.
La guardia di sicurezza Janya Williams è stata arrestata con l’accusa di aver fatto una falsa minaccia di sparatoria di massa in modo da poter uscire presto dal lavoro. Presumibilmente ha ammesso di aver simulato le minacce “perché voleva lasciare il lavoro prima”, hanno detto i pubblici ministeri, ed è stata arrestata per reato di falsa minaccia di terrorismo. È stata incarcerata ed è stata trattenuta su cauzione di 50.000 dollari.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

George Wajackoyah candidato alla presidenza del Kenya suggerisce marijuana e testicoli di iena per curare i mali del suo paese

editoriale italiano

Tre navi cariche di grano sono partite dall’Ucraina