in , ,

Banksy ha confermato l’opera sul muro della prigione

editoriale italiano

Banksy ha confermato di essere l’autore di un’opera d’arte apparsa sul muro di una prigione britannica all’inizio di questa settimana.
In un video pubblicato su Instagram giovedì, l’inafferrabile artista di strada viene visto dipingere con lo spray l’immagine di un detenuto in fuga dalla prigione di Reading, un’istituzione in disuso nel sud dell’Inghilterra che un tempo ospitava il poeta irlandese Oscar Wilde.
Il video, intitolato “Create Escape”, imita scherzosamente il programma cult dell’artista televisivo Bob Ross, “The Joy of Painting”.
Le immagini di Banksy che lavora nel buio della notte sono sovraincisi con clip di Ross che dà consigli sulla pittura, facendo sembrare che stia commentando il lavoro.
Il video non ha confermato se l’opera d’arte raffigura o meno Wilde, che è stato detenuto presso l’istituto, allora noto come Reading Gaol, per due anni dal 1895 dopo essere stato imprigionato ai sensi di una legge storica contro la “grave indecenza” usata per perseguire i gay.
La poesia di Wilde del 1898 “The Ballad of Reading Gaol” è una riflessione sul tempo trascorso lì.
La prigione è stata chiusa nel 2013.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

E se Zingaretti fosse l’uomo politico più uomo e meno politico di tutti?

editoriale italiano

La scuola chiude, anzi no, o forse sì