in , , ,

Rihanna ora vale 1,7 miliardi di dollari

editoriale italiano

Quando Robyn Fenty, conosciuta al mondo come Rihanna, ha lanciato Fenty Beauty nel 2017, ha cercato di creare un’azienda di cosmetici che facesse sentire “le donne ovunque incluse”. La linea di bellezza l’ha aiutata a entrare in uno dei ranghi più esclusivi del mondo: essere bilionaria.
Rihanna ora vale 1,7 miliardi di dollari, secondo Forbes, il che la rende la musicista donna più ricca del mondo e seconda solo a Oprah Winfrey come intrattenitrice più ricca.
Ma non è la sua musica che l’ha resa così ricca. La maggior parte della sua fortuna (circa 1,4 miliardi di dollari) proviene dal valore di Fenty Beauty.
Gran parte del resto risale alla partecipazione nella sua compagnia di lingerie, Savage x Fenty, del valore stimato di 270 milioni di dollari, e nei suoi guadagni dalla sua carriera come musicista e attrice in cima alle classifiche.
Sebbene Rihanna, nata alle Barbados, non sia l’unica celebrità a capitalizzare la sua presenza sui social media, ha 101 milioni di follower su Instagram e 102,5 milioni su Twitter, per costruire un marchio di bellezza, è l’imprenditrice di prodotti di bellezza di maggior successo a farlo.
Fenty Beauty, una joint venture 50-50 con la società francese di beni di lusso LVMH (gestito da Bernard Arnault, la seconda persona più ricca del mondo), è stata lanciata nel 2017 con l’obiettivo dell’inclusività.
I suoi prodotti sono disponibili in una vasta gamma di colori, il fondotinta è offerto in 50 tonalità, comprese le tonalità più scure più difficili da trovare per le donne di colore, e sono modellati nella sua pubblicità da un gruppo altrettanto diversificato di persone.
Insomma pochi passaggi lasciati al caso ed una capacità decisionale e imprenditoriale uniche da parte di Rihanna.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Il Pinguino Imperatore potrebbe diventare a rischio estinzione

editoriale italiano

La vaccinazione dei docenti non va letta come un’imposizione