in ,

Trump: il virus arriva da laboratorio di Wuhan, abbiamo le prove

editoriale italiano

Sembra di assistere alla partita di poker del secolo. Una delle caratteristiche del poker, gli esperti lo sanno bene, é proprio il bluff. Non é un imbroglio vero e proprio é la capacità di mascherare una situazione e farne credere una differente.
Il commercio é spesso una questione di bluff, la finanza vive sul bluff e sui raggiri. Ma la sanità e la salute non dovrebbero mai avere nulla a che vedere con il bluff.
Proprio per questo, proprio sulla base dei ritardi da parte del governo cinese nel trasmettere informazioni tempestive sul coronavirus, Trump potrebbe non avere tutti i torti.
Se poi consideriamo che non ha nessuna intenzione di mollare la presa e continua a dichiarare di avere le prove schiaccianti che il virus é partito da un laboratorio di Wuhan, ecco che la situazione diventa sempre più credibile.
Se Trump stesse bluffando in viste delle elezioni 2020 significherebbe politicamente rischiare la pelle. Dunque possibile e quantomai probabile che le sue affermazioni siano basate su dati certi. Gli stessi servizi segreti americani stanno confermando l’ipotesi del Presidente: il coronavirus potrebbe essere stato diffuso da un laboratorio di Wuhan ormai identificato.
Non é l’errore che viene valutato in maniera isolata, ma il fatto grave, molto grave, che il governo cinese abbia cercato di insabbiare l’accaduto.

Written by Matteo Tinelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Fase 2, si comincia così

editoriale italiano

Per ora, abbiamo capito la lezione