in , , ,

Nessuno ferma Putin perché nessuno é nella posizione di poterlo fare

editoriale italiano

L’invasione da parte della Russia su territorio ucraino ha scatenato l’ira del mondo intero. Tutti che condannano l’operato di Putin e tutti che sono pronti a mettere veti e restrizioni. Ma nessuno ha il permesso di poter andare oltre. Questo perché Putin negli ultimi anni ha lavorato accerchiando il sistema internazionale e le convenzioni europee per potersi trovare in una situazione di totale controllo.
Nonostante le atrocità, nonostante l’ingiustizia, nonostante la sconsideratezza della guerra in Ucraina, nessuno ha il coraggio e la possibilità di intervenire.
Sarebbe la terza guerra mondiale se lo facessero e sarebbe letale, non più atomica, bensì nucleare. Ne usciremmo vivi in pochi e sarebbe davvero improbabile riuscire a riprendersi.
Ma anche questo Putin lo aveva previsto, lo aveva programmato e lo aveva pianificato nei minimi dettagli.
Non trattiamolo come un pazzo e basta perché lo abbiamo considerato tale per molti anni e adesso paghiamo il prezzo di averlo sottovalutato.
Sapevamo tutti che sarebbe successo, dunque perché non ci siamo tutelati prima e non abbiamo tutelato il popolo ucraino?
Oggi assistiamo da spettatori inorriditi alle atrocità degli atti compiuti dall’esercito russo su territorio ucraino, ma sapevamo da molti anni che sarebbe potuto accadere e sapevamo che questa era la direzione presa dal governo Putin.
Dunque facciamo un passo indietro, smettiamo di sottovalutare lo Zar di Russia e cerchiamo una via d’uscita.
Alla fine Putin avrà comunque vinto, perché qualsiasi accordo sarà a suo vantaggio. Proprio quello che voleva e ha sempre voluto.
L’Ucraina nel giro di 15 giorni sarà sotto il controllo della Russia e Putin ne avrà ogni potere. Noi continueremo a guardare e a parlare di sanzioni, impotenti di fronte ad una delle più grandi ingiustizie della storia dell’uomo. Di fronte all’ennesimo matto assetato di potere e di fronte all’ennesima strage di civili innocenti. Assisteremo a milioni di persone che verranno sottomesse ad un regime dittatoriale in condizioni deplorevoli. Assisteremo all’ennesima disfatta nella storia della Russia come concezione politica.
Dopodiché, come fatto in passato, ci costringeranno a mettere i morti alle spalle, bambini compresi, come accaduto a suo tempo nella ex Jugoslavia, fare finta di nulla e riprenderemo persino i rapporti con i russi, con le istituzioni sovietiche e forse con lo stesso Putin, perché alla fine i soldi faranno la differenza proprio come l’hanno fatta quelli degli oligarchi russi in giro per il mondo, amici di Putin e sostenitori del suo governo di oppressione. Non abbiamo mai rifiutato i loro soldi, tanti soldi. Oggi facciamo finta di essere schifati da queste persone ma domani accetteremo ancora i loro soldi, come é sempre stato. Continueranno a comprare squadre di calcio, piuttosto che banche o società fittizie che servono solo a ripulire soldi. Continueranno imperterriti a fare il bello ed il cattivo tempo perché ormai non siamo più nel secolo scorso, siamo in un nuovo millennio in cui i soldi ancor più della politica decideranno le sorti di intere popolazioni.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by Matteo Tinelli

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Dopo quasi 200 anni chiude uno degli zoo più antichi del Regno Unito

editoriale italiano

La Russia non si presenta alle udienze presso l’alta corte delle Nazioni Unite