in , , ,

Deterioramento cognitivo allarmante in alcuni pazienti guariti da casi gravi di covid

editoriale italiano

Un nuovo studio ha scoperto che i pazienti che superano gravi infezioni da COVID soffrono dello stesso deterioramento cognitivo che generalmente attraversano le persone di età compresa tra i 50 e i 70 anni.
Questo equivale a perdere 10 punti QI, afferma il team di scienziati dell’Università di Cambridge e dell’Imperial College di Londra.
I loro risultati suggeriscono che gli effetti dell’infezione da coronavirus sono ancora rilevabili più di sei mesi dopo la malattia, che il recupero cognitivo è nella migliore delle ipotesi graduale e che potrebbe anche avere un impatto sulle persone che hanno avuto solo casi lievi.
C’è un numero crescente di prove che COVID-19 causa problemi di salute cognitiva e mentale duraturi, con pazienti guariti che manifestano ancora sintomi mesi dopo l’infezione.
I sintomi che riportano includono “stanchezza, ‘nebbia cerebrale’, problemi nel ricordare le parole, disturbi del sonno, ansia e persino disturbo da stress post-traumatico”, affermano gli scienziati.
Uno studio precedente aveva rilevato che circa un individuo su sette ha riferito di avere sintomi che facevano pensare ad un decadimento cognitivo.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by Manuela Paolini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Blocco alle esportazioni verso paesi ostili in qualsiasi momento, la risposta di Putin

editoriale italiano

Boris Johnson al parlamento ucraino: le truppe ucraine vinceranno la guerra e libereranno il paese dai Russi