in ,

Scuola, serve subito chiarezza

editoriale italiano

Parliamoci chiaro, sarebbe stato impossibile fare di più. E’ stata affrontata un’emergenza sanitaria senza precedenti in tempi moderni. La si é dovuta affrontare in ambienti come quello scolastico che presentavano enormi problemi da decenni.
Sembrava una scommessa persa in partenza, invece almeno si é provato ad affrontarla, cercando nel frattempo di approfittarne per aggiornare il sistema scolastico italiano, ormai decrepito da anni.
Ci stanno riuscendo soprattutto con la digitalizzazione e con la famosa didattica a distanza.
Ora sarebbe arrivato il momento però di fare chiarezza.
Serve una linea guida per tutti, magari trasmessa a mezzo conferenza stampa e poi a mezzo decreto in cui si possano evidenziare i punti fondamentali per genitori e alunni prima della ripresa della scuola.
Mancano pochi giorni e l’idea é ancora troppo legata all’interpretazione soggettiva per ogni singolo comune e plesso scolastico.
Alla base comunque la gente ha bisogno si avere sotto mano le regole comportamentali. Ci sono ancora troppe domande a cui nessuno risponde e adesso serve avere risposte.
Le mascherine, le misurazioni della temperatura, il comportamento in classe e le zone dedicate alle mense. Troppe situazione ancora incerte che stanno alimentando una serie di Fake News che a loro volta purtroppo raggiungono nella realtà un gran numero di mamme.
Serve chiarezza e subito, servono indicazioni precise uguali per tutti e regole comportamentali che si devono adattare a tutti, nessuno escluso.
Con quale temperatura l’alunno deve restare a casa? Dopo quanti starnuti? E quanti colpi di tosse?
Ma se resta a casa, può collegarsi alla dad e assistere alle lezioni della sua classe?
Troppe, troppe domande a cui nessuno ancora ha dato una risposta precisa.

Written by Manuela Paolini

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Trump difende l’operato della polizia americana

editoriale italiano

Walmart cerca di fare concorrenza a Amazon