in , , ,

Influencer cinese Tizi investigata dopo aver fatto un video su come arrostire e mangiare uno squalo bianco

editoriale italiano

Un’influencer cinese è indagata dalla polizia dopo che una clip in cui mostra come arrostire e mangiare un grande squalo bianco è diventata virale.
Il filmato della vlogger, popolarmente conosciuta con il suo pseudonimo online Tizi, la mostrava mentre banchettava con il pesce predatore, che la polizia nella città centrale di Nanchong ha confermato domenica essere un grande bianco.
“Può sembrare vizioso, ma la sua carne è davvero molto tenera”, ha detto Tizi mentre strappava grossi pezzi di carne alla brace dell’animale, in un video pubblicato a metà luglio.
Nel video, da quando è stato cancellato, la si vede scartare un pesce lungo due metri e sdraiarsi accanto ad esso per mostrare che è più alto di lei.
Lo squalo viene poi tagliato a metà, marinato e cotto alla brace, mentre la testa viene cotta in un brodo piccante.
I grandi squali bianchi sono elencati come specie vulnerabili dall’Unione internazionale per la conservazione della natura, solo un passo prima di essere classificati come in via di estinzione.
Le popolazioni di squali, alcuni dei più importanti predatori dell’apice degli oceani, sono state maltrattate negli ultimi decenni. In Cina sono elencati come protetti. Il possesso illegale può portare a una pena detentiva da cinque a dieci anni.
Non è chiaro se Tizi, che ha quasi otto milioni di follower, sarà punito. Ha detto ai media locali di aver acquistato lo squalo attraverso “canali legali”, ma l’ufficio agricolo locale ha detto lunedì che la sua affermazione era “incoerente con i fatti” e che la polizia stava indagando.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

In Cile indagano su di un misterioso buco circolare nel terreno

editoriale italiano

La Marina americana schiera le navi al largo di Taiwan scatenando l’ira cinese