in ,

Il caso Wirecard

editoriale italiano

La domanda che tutti nel mondo degli affari in Germania si pongono in questi giorni è tanto semplice quanto sconcertante: come, esattamente, si possono perdere più di $ 2 miliardi? Questo è il mistero che circonda Wirecard AG.
Il tesoro della comunità finanziaria ha cominciato a crescere due decenni fa come processore di pagamenti per siti Web porno e di gioco d’azzardo, ma si è trasformato in uno sviluppatore di software per transazioni online con un elenco di clienti A-list come FedEx, Ikea e Singapore Airlines .
Il 18 giugno Wirecard ha dichiarato che i revisori non sono stati in grado di individuare 1,9 miliardi di euro (circa 2,1 miliardi di dollari) – circa i quattro quinti della sua liquidità netta – che avrebbero dovuto essere detenuti presso un paio di banche in Asia.
Ciò ha provocato un forte calo del prezzo delle azioni della società (ora è sceso di oltre il 90% dal picco del 2018) e la partenza di Markus Braun, l’austriaco che era stato amministratore delegato dal 2002.
In una nota di dimissioni, Braun ha dichiarato: “La responsabilità di tutte le transazioni commerciali spetta al CEO”.
Il 22 giugno, i pubblici ministeri tedeschi lo hanno arrestato per sospetto di frode contabile e manipolazione del mercato e tre giorni dopo la nuova gestione della società ha avviato una procedura di insolvenza, riconoscendo effettivamente che è troppo profondo il debito per pagare le bollette.
Nel frattempo chiunque avesse carte di debito Wirecard ci é visto bloccare la carta per qualche giorno, almeno sino al 1 Luglio 2020, con forte disappunto di tutti quanti.

Written by Cinzia Grandi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Stati Uniti in pieno inferno pandemico

editoriale italiano

Pizza Hut in amministrazione controllata