Da qualche anno si diceva che il divario con Barcellona, Real Madrid e Bayern Monaco era enorme. Da ieri sera invece possiamo dire che il divario é colmato. Perché il Monaco, con tutto il rispetto, agli occhi dei tanti non sarà il Barcellona, ma rappresenta uno di quei passaggi indispensabili che fanno grande una squadra.
La capacità di affrontare la partita con umiltà e rispetto verso qualsiasi avversario ti permettono di giocare il tuo gioco e quando il tuo gioco, come in occasione del primo goal riporta spruzzate di talento come quella di Dybala, quella di Dani Alves e di Higuain in soli 20 secondi, allora sai di essere diventata una grande tra le grandi.
Da ieri l’Europa ha visto una squadra che potrà certo perdere ancora, perché nessuno é invincibile, nemmeno Leo Messi, ma di sicuro tutti sanno che quando ti capita nel sorteggio una squadra come la Juventus ti trovi una delle prime tre squadre d’Europa, indipendentemente dalla Champions.
Una difesa fuori dal mondo, che subisce solo due goal in tutta la competizione. Un portiere da leggenda e un centrocampo mondiale.
Poi si arriva al reparto offensivo, che ieri ha lasciato sedere sul trono del principato il pipita Higuain a gran merito, uscito tra gli applausi persino del pubblico del Monaco, da ammirare e da imitare per questa lezione di sportività.
Dunque una squadra su cui ci é voluto il lavoro di diversi anni, con innesti e addii importanti, molto importanti, ma che oggi lascia l’Europa calcistica a bocca aperta.
Che vinca o che perda, adesso questa é una squadra che fa paura e che merita il rispetto sportivo di chiunque.

About The Author

Profile photo of Gennaro Istrici

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar