Register
A password will be e-mailed to you.

Tutto per non aver comunicato il controllo di Vivendi.
Per molti di noi significa poco o forse nulla, ma per chi mastica un pò, anche poco di economia, significa una manomissione dei bilanci, una forzatura dello stato patrimoniale ed un tentativo furbesco di far sapere il meno possibile.
Dunque, da gennaio mi sono spostata all’estero, UK, per motivi di lavoro. Avevo appoggiato l’addebito delle rate mensili del mio contratto in TIM su di un conto che poi non era quello dove mi arrivava lo stipendio. Inavvertitamente non ho fatto i bonifici dovuti a coprire l’importo di 3 rate anche perché usavo una sim inglese della O2 mentre ero su territorio britannico.
Appena rientrata ho provveduto a fare il bonifico a favore di TIM.
Ma la situazione divertente é stata chiamando il call center.
Prima mi hanno rimbalzato un call center in Romania… “Sinora noi no saviamo ma devi pagare…” che sembrava di essere in uno di quei supermercati cinesi da un euro per tutto.
Poi all’ennesimo tentativo finalmente un call center in Italia, risponde un signore da Cagliari… “Signora, come vedo lei é una che non paga! Dunque Telecom Italia le sta bloccando il suo credito per insolvenza fraudolenta!!!”
In arretrato avevo circa 160 euro, lo so bene potrebbero aver contribuito a costringere Telecom a premeditare con il Consiglio di Amministrazione di fregare gli italiani nascondendo il controllo di Vivendi e per colpa dei miei 160 euro e del mio comportamento fraudolento si sono presi una multa da 74 milioni di euro.
Facciamo una cosa, io ho pagato il mio debito, inviato copia del bonifico ad un fax telecom (perché nell’era della tecnologia più avanzata Telecom Italia ha ancora un fax in ufficio, non capisce che basterebbe una legalmail) e poi ho cambiato operatore; adesso aspetto di vedere la copia contabile, come hanno chiesto a me, del bonifico di 74 milioni di euro verso le casse dello Stato Italiano.
Giuro che la pubblichiamo in prima pagina. Qualora non dovessero pagare entro pochi giorni continueremo ad indagare sempre più approfonditamente.

 

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar