Una vera e propria esecuzione, a sangue freddo. A portarla a termine un uomo di 38 anni, Jarrod Ramos che nel 2012 aveva fatto causa per diffamazione alla stessa testata editoriale che ieri ha deciso di massacrare.
Tutto é accaduto ad Annapolis, Maryland, nella redazione del Capital Gazette.
Cinque persone sono rimaste uccise, tra cui 4 sul colpo e 1 é deceduta in ospedale. Purtroppo però il numero dei morti potrebbe aumentare perché i feriti ricoverati sono in codice rosso e alcuni appesi ad un filo.
La polizia ha anche fatto sapere che non c’é stato alcuno scontro a fuoco tra l’uomo e la polizia e che oltre alle armi é stato trovato anche dell’esplosivo.
La polizia é intervenuta dopo circa 1 minuto emezzo dall’allarme, ma ormai il peggio era già accaduto e l’uomo si era semplicemente nascosto, dopo aver sparato all’impazzata, sotto un tavolo.
Sembra che l’attentatore abbia scelto il momento giusto, quello della riunione di redazione in cui tutti i giornalisti erano presenti nella stessa sala riunioni.
Avrebbe sparato attraverso la vetrata senza nemmeno entrare nella stanza probabilmente, per poi fuggire e nascondersi in un altro ufficio della redazione.
Il movente é ancora sconosciuto e se si dovesse collegare alla diffamazione di qualche anno fa, siamo a livelli di malattia mentale estrema.
Nonostante l’accaduto Capital Gazette, hanno dichiarato dalla redazione, oggi sarà in edicola, proprio per dimostrare di non essere intimiditi da un simile gesto.

Leave a Reply

Skip to toolbar