Accade sempre in un Paese che vive della propria leggerezza che a sua volta trasporta gran parte dei lettori al di fuori del mondo reale.
Perché se poco dopo che abbiamo discusso, senza nemmeno saperne il motivo, sul rifiuto del sindaco di Roma di candidare la città per le Olimpiadi, il lettore medio ha bisogno di passare a parlare di Brad Pitt ed Angelina Jolie…

E tutto é collegato, la stampa, furba, molto furba, si adegua.
Allora il divorzio pubblicizzato in tutto il mondo, della coppia più famosa di Hollywood, diventa più importante della guerra, delle malattie e delle epidemie. Surclassa la notizia dell’ennesimo barcone di profughi che si ribalta, prende per il collo l’informazione e la sbatte contro il muro della falsità e dell’ipocrisia.
Ma in fin dei conti, forse questo é quello che i lettori vogliono.

Così, per quanto triste, la notizia che Charlotte, negli stati Uniti é in stato di emergenza, passa inosservata di fronte al vero problema del giorno.
Angelina e Brad, non potevano farci questo.
Ora divideranno ville, casali in Francia e isole caraibiche. Ora dovranno lottare per quelle 4 centinaia di milioni di dollari da dividersi nei 6 figli… e la loro istruzione? che ne sarà di loro???
Tutto questo mentre un afroamericano di 43 anni, padre di sette figli veniva ucciso a Charlotte in quello spazio temporale che troppo spesso in America si sta aprendo di recente, riportando all’improvviso il presente nel passato peggiore che l’America abbia mai vissuto, quello degli anni atroci del razzismo.
E tutto mentre a New York, durante l’Assemblea generale dell’Onu, celebrità e non si alternano sul palco a parlarci di un mondo migliore.
Non venite a raccontarmi che questa non é ipocrisia.

 

About The Author

Profile photo of Veronica Vestri

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar