Register
A password will be e-mailed to you.

Il vertice é iniziato sul campo neutro di Helsinki, dove Donald Trump e Vladimir Putin stanno cercando di superare i problemi degli ultimi mesi.
Trump ha detto a Putin “é bello essere quì con te”, Putin dal canto suo é entrato in sala dicendo “é ora di parlare delle nostre relazioni, ci sono molte questioni da affrontare”.
L’ambiente non é parso dei più rilassati, inutile nasconderlo. I due leaders si sono incontrati con una certa freddezza.
Trump in un tweet di qualche ora fa indicava come responsabili dei cattivi rapporti con la Russia le precedenti amministrazioni alla Casa Bianca, ovvero i presidenti che lo hanno preceduto, primo fra tutti Obama, ma secondo Trump é sempre colpa degli altri.
Il summit non ha un’agenda programmata da seguire, si andrà avanti ad oltranza su tutti gli argomenti principali.
La sensazione é che nessuno si muoverà da quella sala sino a che tutto sarà stato affrontato.
Per la prima volta dopo tanti anni, la sensazione é quella che Putin ci arriva pieno di consensi e di rispetto, mentre Trump sembra in difetto di parecchi punti, cosa mai accaduta ad un presidente americano negli ultimi 30 anni.
Dunque nessuno può sapere se si raggiungeranno dei risultati, é già importante che si sono incontrati.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar