E’ il quarto fotografo famoso accusato di abusi sessuali e se consideriamo una piccola cerchia di cinque persone, al momento solo Annie Leibovitz risulta esclusa.
Quella che era una cerchia di pochi eletti e ristretta a presunti artisti talentuosi che avevano chiuso le porte del mondo della moda attorno a sé ed alle amiche direttrici di riviste patinate, oggi é diventata una cerchia più degna di un girone dell’inferno dantesco.
Terry Richardson prima, Mario Testino e Bruce Weber poi, Patrick Demarchelier adesso, si potrebbe dire nessuno escluso.
Non fosse che tutto questo si sapeva, si é sempre saputo nell’ambito moda.
Un altro grande della fotografia di moda e di celebrità che finisce sotto inchiesta per il medesimo motivo, abusi sessuali.
Le accuse però partono da una denuncia di ben 25 persone tra modelle e collaboratori stretti di Demarchelier e questo fa ben credere che qualcosa di fondato vi possa anche essere.
Questa volta l’inchiesta é partita dal Boston Globe, e riguarda stilisti, agenti e professionisti dell’ambito moda, oltre che atri fotografi che però nessuno conosce.
E ancora una volta Condé Nast si é messa al sicuro annunciando che sospende ogni collaborazione con il famoso fotografo.
Ovviamente il fotografo nega ogni accusa e promette di tutelarsi legalmente, anche se ormai sembra di leggere la storia di Kevin Spacey che prima tutti volevano, poi dopo le accuse tutti rifiutano e rimpiangono di aver fatto le copertine di film importanti con la sua faccia.
Stessa cosa per l’ambito moda, prima tutti volevano Demarchelier anche se non in molti a parte Condé Nast potevano pagare tanto per un redazionale, oggi invece se potessero, persino a Condé Nast cancellerebbero il 90% dei loro redazionali che riportano in  grande e con enorme orgoglio “Photo by” uno dei 4 sotto indagine.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar