Lo hanno deciso gli americani, democraticamente, dunque é giusto che si vada per questa strada e che tutti rispettino il volere di un Paese intero.
L’America ha deciso di cambiare metodo, ha scelto un portavoce importante e deciso, più che mai sicuro di sé e risoluto.
Se era il momento di cambiare, il cambiamento doveva essere importante, non poteva essere un semplice aggiornamento.


Troppe cose non vanno negli Stati Uniti, tra la politica interna ed internazionale, l’economia e la finanza che non danno decisi segni di equilibrio.
Così gli americani hanno deciso di affidarsi a qualcuno che di business se ne intende. Gli affari sono il suo pane quotidiano e la concorrenza non lo spaventa.
Un tradizionalista per eccellenza, che ha basato la sua candidatura sulla rinascita dell’America per portarla ad essere nuovamente il Paese più meraviglioso di sempre.
L’America ha scelto Trump, diamogli fiducia.
E per dirla tutta, la sua lotta alla stampa, non é proprio fuori luogo.
L’America non fa eccezione nel controllo dei media, la libertà di stampa lascia a desiderare in quello che dovrebbe essere il Paese più libero del mondo.
I media sono spesso gestiti politicamente e spesso si preoccupano di Wikileaks tappando la bocca ai propri giornalisti.
Non ha proprio tutti i torti Donald Trump. Il sistema informazione va rivisto e riconsiderato, ma probabilmente a livello mondiale.
Obama ha passato le consegne al nuovo Presidente degli Stati Uniti durante la sua ultima conferenza stampa.
Comincia una nuova era in America e non credo di sbagliare se dico che ne vedremo delle belle.

About The Author

Profile photo of Valerio Rocchi

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar