Definire il confine tra lo studio scientifico, la rappresentazione mediatica e lo show business é difficile. Fatte queste considerazioni bisogna ammettere che la paura dello squalo é svanita in molte persone che si stanno addirittura affezionando a Mary Lee, dunque sino a questo punto l’idea é stata geniale.
Si trova spesso nelle acque degli Hamptons, tra le spiagge più ricche d’America; a giugno era dalle parti di Atlantic city e spesso passa da Cape Cod. Ha un profilo twitter con 119 mila followers nonostante sia un grande squalo bianco di oltre 5 metri e due tonnellate di peso che incute un certo terrore.
La notorietà é arrivata grazie a Ocearch, un’associazione in tutela dell’ambiente marino che via satellite studia i movimenti della femmina di squalo e dei suoi nove figli.
Mary Lee fu catturata al largo di Cape Cod nel 2012, le fu inserito un navigatore satellitare nella pinna e fu stimata un’età tra i 40 e i 50 anni.
Da quel giorno ogni volta che la sua pinna emerge manda un segnale al satellite che ne individua l’esatta posizione.
In 5 anni hanno calcolato che ha percorso 65 mila chilometri, con una preferenza evidente, gli Hamptons.
Mary Lee oggi é una star del web e grazie ai socials sta facendo rivalutare l’immagine degli squali.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar