In alcuni momenti si ha quasi l’impressione che qualsiasi cosa si debba decidere, serva comunque l’autorizzazione di qualcuno che resta dietro le tende, nell’oscurità della sua stessa ombra e che possa decidere per il Paese, ancora, dopo quanto é successo in passato.
Si ha l’impressione che per alcuni, molto pochi a dire il vero, l’Italia sia ancora nelle mani del quarto partito (per preferenze degli italiani).
Sembra una di quelle situazioni alla Gomorra, che per fare un lavoro, qualsiasi lavoro, ci si deve rivolgere a qualcuno, non facciamo nomi e nemmeno soprannomi, il quale acconsente o nega a suo piacimento.
Dagli anni 90 l’Italia passa da Arcore.
Alcuni miei amici all’estero leggono le notizie sull’Italia e si chiedono cosa ci sia ad Arcore di tanto importante per il nostro Paese.
Molti dai tempi del bunga bunga sino a quelli di Ruby hanno pensato vi fosse una casa dell’amore, come raccontare il contrario e soprattutto come nascondere la verità.
Ad Arcore c’é una brutta parte della storia d’Italia. Forse la peggiore di sempre.
Ecco appunto, é storia, non confondetela con il presente e con la realtà.

Leave a Reply

Skip to toolbar