Alla fine si sta prospettando uno scenario prevedibile, ma nemmeno troppo prevedibile.
Perché in Sardegna insieme a Christian Solinas (centrodestra) finirà al ballottaggio Massimo Zedda (centrosinistra).
Il M5S invece rimane al palo, colpito duramente dagli ultimi sviluppi di governo.
Il dato é parziale ma indica con sufficiente chiarezza che mai come oggi il M5S ha bisogno di un cambiamento che possa portare avanti il lavoro fatto sino ad oggi adeguandosi alle esigenze di governo e dei tempi che cambiano in fretta.
Per quanto prevedibile, come accaduto in Abruzzo, l’impressione é quella di un Movimento in netto calo che accusa la presa di posizione e di forza di una Lega che ha saputo rischiare e mettersi in gioco in questo primo anno di nuovo governo.
Non deve cambiare molto, ma la gente ha bisogno di autorità ed autostima, che se affidate solo ad un voto online non potranno mai dare un senso di sicurezza di cui tutti alla fine abbiamo bisogno.
Il M5S ha bisogno di un leader, inutile continuare a dire che non c’é un vero leader, perché questo é un autogol.
La gente vuole un leader a cui fare riferimento. Forte, carismatico, con personalità e con preparazione.
Questa situazione non può essere nascosta dietro ad un voto online perché l’Italia non é ancora pronta a questo.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar