Register
A password will be e-mailed to you.

Perché la gente comune dall’uomo politico si aspetta idee, soluzioni, supporto in taluni casi. La politica dei proclami é morta e sepolta con l’ultima era da 1 milione di posti di lavoro berlusconiana.
La politica dello scontro, che vive solo criticando tutto quello che gli altri fanno, non regala più i suoi frutti sin dall’ultima era renziana.
Dunque quando Martina dice che la Lega deve ridare i 49 milioni di euro e Di Maio chiedere scusa si rivolge ad una audience da qualche decina di persone, perché nessuno si interessa più alla politica dell’anti politica.
Non funziona più e risulta banale continuare ad insistere su questa strada.
Tutto in funzione di voler demolire. Ma demolire cosa? Il parere del 65% degli italiani?
La gente, senza offendere nessuno, si aspetta cambiamenti, su tutti i fronti.
Dunque chi é in grado di fare politica dimostrando di voler cambiare bene, chi non lo é e si aggrappa a metodi antiquati sta solo perdendo tempo prezioso che potrebbe essere destinato a migliorare questo paese e non a farlo tornare quello che era.
Non importa il nome del partito, non importa i proclami, la gente vuole prove, dimostrazioni di intenti che si realizzano in pochi mesi non decenni.
Non gliene frega a nessuno dei soldi rubati dalla vecchia gestione della Lega, interessa a tutti che Salvini non faccia più entrare i migranti tanto facilmente sul nostro territorio.
Per intenderci, la politica é attuale, in tempo reale come non lo é mai stata, sbagliano a credere che l’opposizione che puzza di vecchio e racconta di scandali ogni giorno possa interessarci.
Arriviamo dagli anni in cui tutti sapevano del bunga bunga ma nessuno ha mai mosso un dito.
Ora bisogna lavorare per gli imprenditori, per i ragazzi senza lavoro, per i ragazzi che se ne vanno all’estero, non pensando a cosa hanno fatto Bossi o Renzi nel passato buio di questa repubblica.
Dopo la mossa Benetton a sostegno del PD con la foto firmata Toscani dei migranti su un gommone sono spariti tutti.
Avremmo voluto pubblicare noi una foto del ponte Morandi chiedendo ai Benetton di autorizzarci a mettere il marchio dei maglioni e a Toscani  mettere il suo nome come ha fatto con i gommoni, ma poi alla fine proprio per rispetto per le persone morte in quella terribile tragedia abbiamo pensato che sia Toscani che i Benetton con le loro autostrade siano solo rimasti nel passato, non degni di nota e con nulla da raccontare, tanto meno da insegnare.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar